Verniciare le travi in legno con l’impregnante gel

20 aprile 2016

Ho visto case piene di storia. Avevano un soffitto con travi a vista.
La trave in legno è uno di quegli elementi che raccontano molto di un luogo, di chi lo abita e perfino di chi lo ha vissuto in passato.

I soffitti con questa peculiarità sono così apprezzati che ormai molti edifici nuovi vi ricorrono. Si cerca quel tocco di calore in più. Quel sapore rustico che un’abitazione moderna difficilmente può vantare.

verniciare-travi-a-vista

Che siano in legno lamellare o in legno massello, sia nuove che datate, in un appartamento con soppalco o in una cascina ristrutturata, dopo qualche tempo occorre verniciare le travi.

La principale difficoltà consiste nella scomoda posizione che bisogna assumere. Spesso per un bel po’ di ore. Avere una vernice comoda da utilizzare può fare la differenza. Ecco perché consiglio di sperimentare l’Impregnante Gel [RGxx80]. Una volta provato, non si abbandona. Grazie alla sua speciale consistenza gelatinosa questo speciale impregnante non sgocciola. Io suggerisco di applicarlo con una spugna, ma anche a pennello si stende molto molto bene. Tra l’altro, quest’impregnante si comporta molto bene anche all’esterno. Salvo che nella versione perfettamente trasparente, è ricco di assorbitori UV e quindi in grado di riparare il legno dal sole.

vernciare-travi-in-legno

Ma vendiamo al motivo per cui siete approdati su questo post e, cioè, “come verniciare le travi in legno”?

L’occorrente

  • Spugna
  • Impregnante Gel [RGxx80]

Come verniciare travi a vista

  • Mescolare l’Impregnante Gel [RGxx80]
  • Stendere con spugna
  • Attendere 3 ore

Quando scrivo della comodità dell’Impregnante Gel [RGxx80] mi riferisco anche alla possibilità di sospendere qualche minuti la verniciatura senza che comunque si vedano i segni della ripresa.

sbiancare-travi

Da ultimo sono in molti a dare un tocco di luminosità e, quindi, a sbiancare le travi in legno o a verniciare le travi in legno di bianco. Uno slancio ovviamente realizzabile grazie alla colorazione RG1680.

 

Effeffe
2016 © riproduzione riservata

No comment so far