50 modi per aiutare il pianeta ed essere più responsabili

15 agosto 2017

Aiutare il pianeta le prime 10 regole per sfidare le nostre abitudini – Parte I

Sebbene il caldo e il relax delle giornate estive ci cullino, a mente fresca ci piacerebbe riflettere su come aiutare il pianeta, a partire dalle nostre azioni quotidiane. Ci avete mai pensato? È più facile di ciò che sembra.

A partire da oggi, il blog dedicherà cinque appuntamenti a ciò che ognuno di noi può fare per salvaguardare l’ambiente in cui viviamo.

Ecco un primo elenco di azioni responsabili e sostenibili che sarebbe utile prendere in considerazione.

1 – Illuminami d’immenso, ma a basso consumo

Proviamo a sostituire, man mano che se ne presenta la necessità, le tradizionali lampadine con corpi luminosi ad alta efficienza energetica. Le lampadine a basso consumo ci permetteranno di risparmiare energia, poiché necessitano di una potenza inferiore, e denaro, perché hanno una durata di gran lunga superiore ai supporti tradizionali. Dunque, sebbene il prezzo in fase di acquisto possa apparire poco vantaggioso, il risparmio che ne conseguirà è più che interessante e le implicazioni a livello ambientale sono importanti.

aiutare il pianeta con il consumo energetico

Adottare le lampadine a basso consumo per risparmiare energia

2 – Quando dormi fai riposare anche la tecnologia

Di notte, ricordiamoci di spegnere il computer, schermo incluso. Quando abbiamo finito di lavorare, spegniamo il mouse a pile. E poi non lasciamo il caricabatterie del telefono attaccato alla presa (lo so, è durissima!). Ogni volta che riduciamo i consumi elettrici, ne traggono beneficio l’ambiente e anche le finanze. E se le nostre abitudini quotidiane purtroppo fanno a pugni con certi accorgimenti, impegnarsi a modificarle può essere un passo importante per vivere meglio.

3 – Non abbiamo risorse infinite: attenzione all’acqua

Siamo portati a ritenere che le nostre risorse siano inesauribili. E spesso, nella quotidianità, non stiamo attenti a risparmiare consumi effettivamente superflui. Per non sprecare acqua in modo inutile, ad esempio, potremmo evitare i programmi di prelavaggio di elettrodomestici quali lavatrici e lavastoviglie. Consideriamo piuttosto che i detersivi attualmente disponibili consentono un’igiene profonda perfino a basse temperature. Anche in questo caso un comportamento più responsabile rappresenta un beneficio sia per noi sia per l’ambiente.

aiutare il pianeta il consumo dell'acqua

Contenere il consumo idrico per salvaguardare l’ambiente

4 – Cuochi, attenti al cibo e ai consumi!

Come già detto per il consumo d’acqua, possiamo essere più responsabili anche nell’utilizzo del forno. È sempre indispensabile preriscaldarlo per un tempo infinito? Ovviamente no. Piuttosto, atteniamoci con maggiore attenzione ai tempi consigliati nelle ricette. Quando è possibile, inoltre, controlliamo la cottura dal vetro, invece di aprire l’elettrodomestico in funzione, operazione che disperde molto calore.

5 – Regalate al vetro le infinite vite che può permettersi

Vi invitiamo a dedicare la massima attenzione al riciclo. Nel caso del vetro, ad esempio, il nostro impegno a garantirne il riutilizzo è doveroso, dal momento che si tratta di un materiale con un lungo ciclo di vita, abile al riuso. Al contrario, se dovessimo disperderlo nell’ambiente, la sua decomposizione avverrebbe in un milione di anni. Riciclare i materiali di uso comune è una pratica essenziale per la cura dell’ambiente. In fondo, se proviamo a riflettere a quanto sembrasse complicata e scomoda la raccolta differenziata ai suoi esordi, rispetto alla maggiore familiarità con cui l’affrontiamo oggi, possiamo essere certi che cambiare abitudini non è poi così difficile.

6 – Ambientalisti in fasce, con i pannolini ecologici

Il consiglio a tutti i neo genitori è quello di indirizzare le proprie preferenze verso i pannolini ecologici, dunque costituiti da materiale ecocompatibile, peraltro di norma meno aggressivo sulla pelle dei piccoli. Con la progressiva scomparsa dei predecessori in panno, la diffusione dei pannolini monouso ha aggravato il problema dello smaltimento dei rifiuti: se da un lato questo tipo di pannolini ha reso un grande servizio in termini di praticità a mamma e papà, dall’altro non si è rivelata una soluzione amica dell’ambiente…

7 – Il bucato steso al sole

Torniamo a parlare di consumo energetico e di elettrodomestici, in particolare delle asciugatrici. Alleate preziose nelle giornate più umide e fredde, vale tuttavia la pena lasciarle riposare quando il sole e il favore del vento ci premiano. Asciugando al sole e all’aria il bucato, in modo naturale, avremo più cura dei nostri tessuti, ridurremo l’inquinamento da consumo elettrico e risparmieremo inoltre sui costi in bolletta. Niente male, eh?

8 – Rivoluzione in tavola: una settimana vegetariana

aiutare il pianeta consumando più alimenti vegetali

L’alimentazione vegetariana è ecocompatibile

Battezziamo una settimana nella quale alimentarsi solo con cibi vegetariani. Potremmo trarne benefici sotto tanti punti di vista: consumare più frutta e verdura, imparare qualche nuova ricetta e in generale provare a mangiare nuove cose, contenere l’ingente consumo di acqua indispensabile alla filiera. E poi, in fondo, potrebbe rivelarsi più gradevole del previsto. In caso contrario, restano 358 giorni per consolarsi.

9 – Lavatrice solo a pieno carico

Avete notato che nella maggior parte delle lavatrici, così come nelle lavastoviglie, è presente il dispositivo che regola il lavaggio in base al carico?

La tecnologia, in questo senso, ha già cercato di venire incontro alle priorità ambientali e alle criticità energetiche. Tuttavia la raccomandazione resta sempre valida: per quanto possibile, cerchiamo di effettuare i lavaggi con gli elettrodomestici a pieno carico e ricordiamoci che non è più necessario carbonizzare gli indumenti per igienizzarli. I lavaggi a 40° sono attualmente in grado di garantire adeguati standard igienici.

10 – Prendo ciò che consumo, eventualmente farò il bis

Evitiamo gli sprechi. Questa è la regola più saggia. Imparare a non sprecare significa assumere un atteggiamento consapevole dei propri bisogni e delle risorse necessarie a soddisfarli. Evitare gli sprechi significa percepire quanto preziose siano queste risorse e quanto rispetto meritino. Evitiamo quella disinvoltura miope che sembra non riconoscere lo spreco come un abuso, e riflettiamo sul fatto che in tutte le occasioni nelle quali gettiamo qualcosa che poteva essere diversamente impiegato, rechiamo un danno all’ambiente, alla comunità e a noi stessi.

No comment so far